Fornero: “La mia riforma snaturata. Lavoratori indifesi”

28 febbraio 2017, di Alessandra Caparello

Si toglie qualche sassolino dalle scarpe l’ex ministro del lavoro e del welfare sotto il governo Monti, Elsa Fornero nel corso di un’intervista al Corriere della Sera, in cui oggetto della conversione è il lavoro e critica aspramente la riforma voluta dall’ex premier Matteo Renzi, il famoso Jobs Act.

“Bastava un monitoraggio della mia riforma. Nulla di più. Con il Jobs Act si è preferito andare oltre. Con troppa flessibilità in uscita. Creando un ulteriore dualismo tra chi conserva l’articolo 18 e chi non lo ha più. Concedendo così al governo che verrà domani l’opportunità di realizzare un’altra riforma del lavoro.

Emblema di quel si è andato oltre con il Jobs Act sicuramente l’abuso dei voucher lavoro per la Fornero.

“I datori di lavoro ne hanno abusato. E il lavoratore così è troppo indifeso”.

La Fornero lamenta il fatto che la sua riforma è stata snaturata quando l’unica cosa sensata da fare era monitorarla.

“È stata dimenticato l’apprendistato, che io consideravo il contratto di inserimento nel mercato del lavoro”.

L‘amarezza maggiore? I pochissimi soldi a disposizione per attuare la sua riforma.

“Mi confrontai con il presidente del Consiglio Monti e con l’allora ministro del Tesoro Grilli. Mi diedero soltanto 200 milioni di euro dopo aver elaborato una riforma previdenziale che mise in sicurezza i conti del Paese con risparmi per 70 miliardi“.

La Fornero oggi vive ancora sotto scorta e questo a causa della riforma previdenziale che ha provocato forti malesseri negli italiani e ha creato il pasticcio esodati ma la cui responsabilità, dice l’ex ministro, è di altri.

“Il ministero del Lavoro risultava svuotato di analisi quantative. I numeri li ha l’Inps e il ministero del Tesoro. E in quel momento non ci fu la necessaria condivisione”.

Hai dimenticato la password?