Fondatore Uber lancia criptovaluta a basso consumo

7 marzo 2018, di Alessandra Caparello

Non solo Bitcoin, Ethereum, Ripple: nel panorama delle criptovalute arriva una nuova sfida che potrebbe dare del filo da torcere ai big del settore.

Si chiama Eco e promette di essere una criptomoneta aperta a tutti, semplice da utilizzare e a un basso consumo energetico ed è la nuova sfida lanciata da Garrett Camp, il co-fondatore insieme a Travis Kalanick, di Uber.

Come ha raccontato su Fortune, il fondatore di Uber dopo un viaggio in Africa, decide di donare metà delle sue ricchezze ad organizzazioni umanitarie e al tempo stesso di creare una sua propria moneta, Eco, con lo scopo di diventare un vero e proprio ecosistema  che consenta ai possessori della criptomoneta di poterla usare su molti degli e-commerce presenti del mondo.

“Un anno fa circa ho comprato il mio primo Bitcoin e 10 Ethereum su Coinbase, la più importante piattaforma di exchange, ma resto deluso. Più ricerche facevo, più capivo che non cera nessuna delle criptomonete in circolazione che rispondesse alle mie esigenze. Ho capito che cera bisogno di un progetto nuovo che partisse da una prospettiva diversa, con la collaborazione cioè delle università, degli scienziati e centri di ricerca, un po’ come è successo con Internet nei suoi stadi iniziali di sviluppo (ndr: lo scopo di Eco) risuscitare la promessa originale della cripotomoneta, quella di creare un mezzo di pagamento sicuro, senza limiti, veloce, e accessibile a tutti”.

Per realizzare il progetto, Camp ha fondato un’associazione, la Eco Foundation e ora lancia una call a chiunque interessato:

“Se sei un esperto di tecnologia, sicurezza, economia, politica o design, e sei interessato ad aiutare Eco a diventare una moneta globale, scrivi una email a contributors@eco.com”.

 

Hai dimenticato la password?