Fiat completa il takeover Chrysler per un piatto di lenticchie

1 gennaio 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Fiat acquisirà da Veba la partecipazione del 41,5% detenuta dal fondo sanitario del sindacato americano Uaw in Chrysler. Il closing è previsto entro il 20 gennaio 2014. Fiat verserà a Veba 3,65 miliardi di dollari, di cui 1,75 miliardi in contanti e 1,9 miliardi come dividendo straordinario. Per l’acquisizione l’unica parte che Fiat pagherà in cash ammonterà a 1.750 milioni di dollari e lo farà utilizzando la liquidità disponibile. E’ quanto emerge da una nota diffusa dal Lingotto.

COMUNICATO STAMPA DI FIAT-CHRYSLER

A fronte della vendita della partecipazione detenuta in Chrysler Group, spiega il Lingotto, Veba riceverà un corrispettivo complessivo pari a 3.650 milioni di dollari: un dividendo straordinario che Chrysler Group pagherà a tutti gli azionisti, per un totale pari a circa 1.900 milioni di dollari.

Alla luce della struttura di finanziamento dell’operazione VEBA, sottolinea il Lingotto non è previsto un aumento di capitale da parte di Fiat. “Aspetto questo giorno sin dal primo momento, sin da quando nel 2009 siamo stati scelti per contribuire alla ricostruzione di Chrysler”. Così John Elkann, presidente di Fiat, commenta l’accordo con Veba. “Il lavoro, l’impegno e i risultati raggiunti da Chrysler negli ultimi quattro anni e mezzo sono qualcosa di eccezionale”.

L’operazione finanziaria, studiata dal Ceo Sergio Marchionne – il quale non ha pari per genialita’ sui mercati internazionali, e senza il quale il Lingotto avrebbe gia’ chiuso i battenti anni fa – si completa dopo un lungo periodo di “tira e molla” con il sindacato auto Usa (o quel che ne rimane, in una citta’ come Detroit che rappresenta la maggior bancarotta della storia degli Stati Uniti con un default da $18 miliardi). Tutto era cominciato quando la Fiat acquisi’ il controllo di Chrysler (anch’essa in bancarotta) come “gamba” di un’operazione di salvataggio avviata nel 2009 dall’amministrazione Obama, nel momento in cui piu’ acuta era la crisi finanziaria post crisi subprime.

[ARTICLEIMAGE] Il Lingotto quindi ad oggi possedeva il 58.5% della Chrysler, e in tutto questo tempo Marchionne aveva cercato invano di conquistare il restante 41.5% in mano al sindacato dei lavoratori dell’auto UAW (United Auto Wokers), al quale l’amministrazione Obama aveva assegnato azioni in cambio di “concessioni” (assenza di rivendicazioni salariali).

Insomma, il sindacato non esiste piu’, e’ stato comprato.

Fiat ottenne all’inizio il 20% delle azioni Chrysler (nel 2009) passando in seguito al 35% con un ulteriore 15% ceduto dal governo Usa che aveva effettuato il salvataggio in fase di bancarotta (grazie al raggiungimento di tre diversi target fissati dal business plan). L’ex zar dell’auto del presidente Usa Obama, il banchiere Steve Rattner, dichiaro’ che il valore della Chrysler era all’epoca pari a “zero”.

Nel frattempo il ministero del Tesoro Usa ha messo in bilancio una perdita secca di $1.3 miliardi, nel bailout che in totale e’ costato ai contribuenti americani $12.5 miliardi (grazie ai quali di fatto la Fiat si e’ inserita diventando alla fine, oggi, azionista con il 100%).

“Oggi: $8.8 miliardi, grossa vittoria per i membri UAW e per gli i cittadini americani” ha postato Rattner su Twitter.

Sul ruolo del sindacato, il comunicato ufficiale recita:

“A fronte di tali contribuzioni, la UAW assumerà alcuni impegni finalizzati a sostenere le attività industriali di Chrysler Group e l’ulteriore implementazione dell’alleanza Fiat-Chrysler, tra cui l’impegno ad adoperarsi e collaborare affinché prosegua l’implementazione dei programmi di World Class Manufacturing di Fiat-Chrysler, a partecipare attivamente alle attività di benchmarking collegate all’implementazione di tali programmi in tutti gli stabilimenti Fiat-Chrysler al fine di garantire valutazioni obiettive delle performance e la corretta applicazione dei principi del WCM e a contribuire attivamente al raggiungimento del piano industriale di lungo termine del Gruppo”.

Fino ad oggi anche se Fiat e Chrysler, sotto la diabolica regia di Marchionne, si erano fuse a livello di management, la situazione finanziaria era rimasta separata. Marchionne era CEO di Fiat e anche chairman e CEO di Chrysler, adesso il salvatore della famiglia Agnelli sara’ chairman e CEO di un’unica conglomerata auto.

Non e’ nemmeno detto che il nome Fiat resista a lungo, potrebbe sopravvivere il solo marchio Chrysler, che ha piu’ appeal su un mercato globalizzato al di la’ dei due paesi di riferimento, cioe’ Usa (molto ampio) e Italia (in via di continuo ridimensionamento per le terribile recessione in cui versa la penisola). Chrysler ha una quota di mercato negli Stati Uniti dell’11.2%.

Stando ai documenti presentati da Chrysler (che e’ una societa’ privata, non quotata in borsa, il cui Ipo slitta anche quest’anno) i target aziendali per il 2013 sono i seguenti:

– numero di veicoli consegnati a livello mondiale: 2.6 milioni
– fatturato netto: $72-$75 miliardi
– profitto operativo: $3.3-$3.8 miliardi
– risultato netto: $1.7-$2.2 miliardi
– Free Cash Flow: sopra $1 miliardi

Al 30 settembre 2013 la liquidita’ totale disponbile era pari a $12.8 miliardi, piu’ o meno equivalenti all’indebitamento, pari alla stessa data a $12.4 miliardi.

______________________________________

ROMA (WSI) – I quotidiani già lo celebrano come l’accordo del secolo, un grande sogno che si realizza, addirittura Exane sull’operazione di Fiat per l’acquisto di Chrysler, titola un suo report “Happy new deal”. Ma è realmente così?

Da un lato, l’affare raggiunto dal Lingotto con Veba per l’acquisto di Chrysler sembra piacere sia agli analisti che al mercato; dall’altro, invece, l’acquisizione è vista come un limite al potenziale di crescita della casa automobilistica di Detroit, d’ora in poi legata totalmente “a un Dinosauro italiano nel bel mezzo della crisi fiscale europea”, come scrisse al Daily Caller Mark Beatty, del Case Western Reserve University.

Secondo Beatty, infatti, il vero oltraggio è il fatto che Obama avesse acconsentito a cedere una delle “Tre grandi case di auto americane ad una società italiana alle prese con problemi di lavoro e di produttività ben peggiori di quelli che, precedentemente, avevano spinto Chrysler alla quasi liquidazione”.

Tuttavia, gli esperti di Bernstein, giudicano l’accordo raggiunto da Fiat per l’acquisto del rimanente 41,46% di Chrysler sorprendente su molti livelli: sorprendente la tempistica, sorprendente la completezza dell’operazione e sorprendente anche il funding. Oltre il 50% del cash che verra’ utilizzato per chiudere il deal, infatti, arriva dalla stessa Chrysler. La bellezza di questa intesa, quindi, precisano gli analisti di Bernstein “sta proprio nel fatto che Fiat paghera’ solo 1,75 mld dollari senza la necessita’ di un aumento di capitale”.

Insomma, la struttura dell’operazione e’ sicuramente favorevole per la casa torinese, tanto che il “futuro del Lingotto appare ora più sicuro”, concludono da Bernstein.

Anche su questo punto, però, fanno capolino alcune divergenze. Come scrisse l’editoriale Barron’s nel 2012, infatti, è possibile che sia “Chrysler a salvare, finalmente, Fiat” e non viceversa. La rinascita dell’azienda americana, infatti, è stata così forte che ora offre un’ancora di salvezza alla Fiat di Torino, che deve affrontare serie sfide in Europa occidentale. Chissà che l’amministratore delegato, Sergio Marchionne, non volesse intendere proprio questo, quando dichiarò che il gruppo Fiat aveva “un futuro grazie a Chrysler”.

Ad ogni modo, anche Bloomberg aveva riferito che, nel 2012, “senza Chrysler, la casa automobilistica italiana avrebbe registrato, nel primo trimestre, una perdita netta”. La divergenza tra gli utili di Chrysler e le perdite europee della Fiat era impressionante. Nel 3* trimestre 2012, l’utile di Chrysler era infatti salito dell’80%, attestandosi a quota 381.000.000 dollari.

Il problema, dunque, si legge su Open Market è che nell’intento di “salvare” l’industria automobilistica americana, Obama ha ceduto l’azienda di Detroit, a scapito dei fondi pensione e di altri creditori privilegiati, ai quali sarebbe convenuta maggiormente una normale procedura fallimentare. In seguito all’affare hanno perso molto anche i lavoratori manifatturieri americani, il cui destino sembra ormai del tutto legato ai problemi di Fiat e dell’economia italiana.

Questo legame quindi rende sempre meno probabile che gran parte degli utili vengano reinvestiti negli USA. E’ invece ben più probabile che la maggior parte di tali profitti venga reinvestita nelle attività di Fiat in Italia.
A causa della disfunzione delle sue attività italiane, infatti, Fiat dovrà spremere il più possibile Chrysler, lasciatagli in eredità dai contribuenti americani per ordine dell’amministrazione Obama. Questo potrebbe tradursi in un abbassamento dei costi su alcuni veicoli redditizi come la Jeep, spostandone la produzione in Paesi a basso costo come la Cina. In ogni caso, però, Fiat avendo tante bocche da sfamare nella sua nativa Italia, sarà più riluttante nell’avere più dipendenti americani.

In poche parole questo fallimento “politicizzato” di Chrysler, ora al 100% italiana, ha portato via una garanzia fondamentale – lo Stato di diritto – e molti lavoratori americani ne subiranno le conseguenze.

Piu’ nel dettaglio, comunque, la gran parte degli esperti vede il deal raggiunto tra le due case automobilistiche ottimo per il Lingotto. Dal punto di vista industriale, infatti, precisa un analista dello Studio Listorti & Associati, “il gruppo diventa finalmente di dimensioni globali, avendo al suo interno mercati dislocati geograficamente in vari continenti”. L’azione Fiat, conclude l’esperto, ” potrebbe diventare a questo punto la vera regina del 2014″.

Hai dimenticato la password?