Morte Yelchin, attore Star Trek. Colpa Jeep FCA?

21 giugno 2016, di Alberto Battaglia

La morte dell’attore Anton Yelchin, domenica scorsa, potrebbe essere dovuta ad un difetto della sua Jeep Grand Cherokee; Fca, società che controlla il marchio Jeep, ad aprile aveva già richiamato più di 1,1 milioni di vetture, compreso tale modello, proprio perché decine di infortuni sarebbero stati causati dal mancato inserimento della “modalità parcheggio” del cambio automatico, quella che impedisce al veicolo di muoversi dopo l’uscita dei passeggeri.
Yelchin, sulla cui morte è aperta un’ indagine, potrebbe essere stato fatalmente colpito dallo stesso difetto: l’attore, dopo essere sceso dall’auto col motore ancora acceso, è stato schiacciato contro un muro dalla vettura, davanti al vialetto di casa, e ed è morto per asfissia. Secondo il portavoce di Fca Eric Mayne, “è troppo presto per trarre conclusioni” sulle circostanze della morte di Yelchin.
L’attore – noto per interpretare il ruolo di Chekov nei nuovi film di Star Trek, 27 anni, è morto domenica 19 giugno, dopo essere stato investito dalla sua Jeep Grand Cherokee.
Era stata la National Highway Traffic Safety Administration a sollecitare Fiat Chrysler sul fatto che la leva del cambio che permette di passare da una modalità di marcia all’altra non fosse intuitiva a sufficienza e che potesse essere causa di incidenti. L’amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne, ha annunciato che il richiamo dei modelli comporterà un aggiornamento del sofware tale da rendere automatico l’inserimento della modalità parcheggio, fatto che dovrebbe scongiurare nuovi episodi analoghi a quelli di Yelchin.
Le vetture interessate, però, non saranno revisionate dalla casa prima di luglio, ragion per cui la National Highway Traffic Safety Administration, aveva intimato i possessori delle macchine a rischio di prestare particolare attenzione alle procedure di parcheggio.

Hai dimenticato la password?