Contro i cinesi a fianco di FCA arriva Trump

29 agosto 2017, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Mentre gli ultimi rumor parlano di una possibile fusione con Hyundai, il quinto gruppo automobilistico al mondo, l’amministrazione Trump è pronta a scendere in campo a fianco di FCA per frenare l’avanzata cinese.

Il riferimento è alle avances mostrate da Great Wall Motors nei confronti di Fca e dei suoi marchi made in Usa come Jeep. L’indiscrezione arriva da Il Sole 24 Ore secondo cui l’inquilino della Casa Bianca sarebbe intenzionato a porre all’attenzione di uno speciale comitato interministeriale sugli investimenti esteri, il Committee on Foreign Investment in the United States guidato dal Dipartimento del Tesoro, operazioni simili.

Nei dettagli il Comitato ha il potere di paralizzare e scoraggiare aziende straniere che si fanno avanti in territorio americano. Il test potrebbe durare un mese, forse anche due e mezzo. Altre notizie di stampa informano di come oltre alla cinese Great Wall Motors, altre aziende interessate a FCA starebbero preparando la documentazione da sottoporre al Comitato che in ultima istanza ha il potere di bloccare ogni deal.

Gli ultimi due deal disfatti in tempi recenti a seguito dell’intervento del Comitato sono uno del 1990 allepoca della presidenza Bush quando venne bloccato un investimento di Pechino nella Mamco Manufacturing e un altro all’epoca di Barack Obama nel 2012 quando si bloccò un investimento in merito ad una centrale eolica sempre da parte di Pechino.

L’avvento di Trump alla Casa Bianca ha portato ad un nuovo giro di vite nei confronti delle aziende cinesi e il caso Fca è arrivato all’attenzione del presidente che, come hanno fatto sapere fonti vicine a Washington, avrebbe espresso preoccupazione e al contempo il desiderio di intervenire a favore dell’azienda guidata da Sergio Marchionne.

 

Hai dimenticato la password?