D’ALEMA AL QUIRINALE, ACCELERA LE DIMISSIONI

13 dicembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

D’Alema accelera i tempi della crisi di governo.
Dopo una riunione in mattinata con il segretario dei Ds
Veltroni, il presidente del Consiglio incontrerà Carlo Azeglio
Ciampi nel primo pomeriggio per annunciargli le sue
intenzioni di dimettersi subito dopo l’approvazione della
Finanziaria. L’attacco di certi settori ”socialisti”con cui in cui è stata messa in dubbio la leadership di
D’Alema, è stato l’ultimo atto di una situazione divenuta
insostenibile per il governo, incominciata con i malumori
dei cossighiani per l’intesa raggiunta tra i Ds e i
Democratici sul futuro della coalizione di centrosinistra.

Un D’Alema irritatissimo (“fuori dalla grazia di Dio”, secondo
fonti di Palazzo Chigi) avrebbe deciso quindi di muoversi in
anticipo e arrivare a possibili dimissioni entro gennaio. Ma
prima c’è da approvare la Finanziaria e per questo il
presidente del Consiglio chiederà a tutti i partiti, compresi
quelli dell’opposizione, di garantire un passaggio in aula il
più veloce possibile – si parla addirittura entro la settimana –
del documento economico. Poi toccherà al Presidente
della Repubblica dare il via alla verifica.

Hai dimenticato la password?