Crescita economia Usa verso la fine, in recessione tra due anni

23 gennaio 2018, di Mariangela Tessa

L’economia degli Stati Uniti si avvia verso la prossima recessione. È la previsione dell’istituto di ricerca Economist Intelligence Unit, secondo cui il boom economico dell’economia a stelle e strisce avrà vita breve.

“Ci aspettiamo che l’economia scivoli in una recessione tecnica all’inizio del 2020″, ha dichiarato alla CNBC Andrew Staples, direttore dell’Economist Intelligence Unit.

A dieci anni dalla crisi finanziaria globale, gli Stati Uniti si stanno espandendo al ritmo più veloce in più da due anni: negli ultimi due trimestri ha segnato una crescita del 3% o superiore.

Ma nel lungo periodo, la corsa potrebbe subire un’interruzione nonostante il tasso di disoccupazione sia ai minimi storici del 4,1% e il mercato azionario di Wall Street continui a macinare record.

“L’economia degli Stati Uniti è in vantaggio da un po ‘di tempo ormai la ripresa risulta ora un po’ tirata“, ha aggiunto Staples.

Tra le cause della recessione, il nuovo rapporto dell’Economist Intelligence Unit cita la prospettiva di una fase di rialzo dei tassi più aggressiva del previsto.

Prevediamo che la Fed aumenterà i tassi per tre volte quest’anno, forse altre quattro volte l’anno prossimo” ha concluso Staples.

Nessun impatto significativo sulla crescita è invece previsto dalla riforma fiscale. Per gli esperti dell”Economist Intelligence Unit, i tagli fiscali voluti dall’amministrazione Trump non porteranno nessun aumento degli investimenti da parte delle imprese.

Hai dimenticato la password?