Crediti istantanei: “strozzino” Wonga sull’orlo del crac

30 agosto 2018, di Daniele Chicca

Wonga è sull’orlo del baratro: la società di credito a breve termine (e tassi di interesse elevati) rischia seriamente di dover ricorrere all’amministrazione controllata e ha pertanto smesso di accettare nuove richieste di prestito.

L’azienda britannica, che ha messo per prima a disposizione degli iPhone un’App per effettuare prestiti istantanei, ha chiesto al gruppo di consulenza contabile e finanziaria Grant Thornton di ricoprire il ruolo di amministratore nel caso in cui il board decidesse di non poter risolvere la crisi di liquidità.Settimane fa i soci azionisti hanno iniettato 10 milioni di sterline extra nella speranza di evitare il default.

La situazione è ancora in divenire, ma i clienti sono molto nervosi. “Mentre continuiamo a valutare tutte le opzioni, Wonga ha deciso di interrompere le nuove attività di prestito. Se sei un cliente esistente puoi continuare a usare i nostri servizi e gestire il tuo prestito” sulla App di riferimento.

Wonga, gruppo controverso in quanto offre la possibilità di prendere soldi a prestito a breve termine, ma in cambio dell’esborso di interessi elevati, ha intrattenuto colloqui di emergenza con l’autorità di controllo dei mercati, la Financial Conduct Authority (FCA) per discutere del possibile impatto che una sua bancarotta avrebbe sui clienti.

A breve la società fondata da Errol Damelin e Jonty Hurwitz dovrebbe fare un annuncio per chiarire quale sarà il suo futuro. Tra gli investitori in Wonga, che nel tempo ha concesso milioni di sterline di prestiti, si possono citare Balderton Capital, Accel Partners e 83North.

A inizio mese il gruppo ha comunicato problemi dovuti all’incremento “significativo” dei reclami da parte di imprese che avevano sottoscritto prestiti diversi anni fa. Il numero di ricorsi riguardanti prestiti accesi nel Regno Unito e chiusi prima del 2014 è “aumentato in maniera considerevole”, secondo quanto riferito da Wonga.

 

Wonga per la clientela retail offre la possibilità di chiedere in prestito fino a 400 sterline per i nuovi clienti e 1000 per quelli esistenti. Wonga for Business, servizio destinato alle aziende e alle startup, offre prestiti di 3.000-30.000 sterline con scadenza compresa tra una e 52 settimane, a un tasso di interesse dello 0,5% settimanale.

Specialmente dopo lo scoppio della crisi dei mutui subprime, quello dei prestiti da usura è un tema molto dibattuto in tutto il mondo. Quando nel 2012 il gruppo, popolare nel Regno Unito, ha firmato un accordo di sponsorizzazione plurimilionario con il club di Premier League del Newcastle sono infuriate le polemiche.

Diversi membri del parlamento inglese hanno espresso la loro contrarietà all’accordo e il capo del Consiglio Comunale della città disse a The Guardian di essere “inorridito e disgustato” dal fatto che il club avesse firmato un accordo con “uno strozzino legalizzato”.

Hai dimenticato la password?