Corea del Nord agli Usa: “sì a dialogo, ma solo dopo revoca sanzioni”

2 gennaio 2019, di Mariangela Tessa

Dialogo a distanza tra Stati Uniti e Corea del Nord, in vista del nuovo summit tra i due paesi previsto nella prima metà dell’anno.

Ieri il leader del Paese asiatico, Kim Jong-un, ha dichiarato che spera di organizzare altri incontri con il presidente americano Donald Trump, ma allo stesso tempo ha chiesto a Washington di “non mettere alla prova la pazienza dei nordcoreani con sanzioni e pressioni”.

A questo proposito, il numero uno della Corea del Nord ha sottolineato che il suo Paese sarà costretto a prendere una strada diversa se gli Stati Uniti “continueranno a infrangere le loro promesse e maltrattare la nostra pazienza avanzando richieste unilaterali e andando avanti con sanzioni e pressioni”.

Kim ha anche affermato che gli Stati Uniti dovrebbero continuare nello stop alle esercitazioni militari congiunte con Seul e non dispiegare risorse militari strategiche in Corea del Sud.

La riposta di Trump è arrivata poche ore dopo via Twitter:

“Anche io non vedo l’ora di incontrarmi con il presidente Kim, che capisce cosi’ bene che la Corea del Nord possiede un grande potenziale economico!”.

 

Hai dimenticato la password?