CLIMA DI FUSIONI IN USA NEL SETTORE PETROLIFERO

27 novembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

La fusione annunciata già più di un anno fa tra la Exxon e la concorrente Mobil è ora possibile. Dopo un accurato e lungo esame la Commissione federale per il commercio degli Stati Uniti ha infatti dato parere favorevole all’offerta di 81 miliardi di dollari fatta dalla Exxon per acquisire la Mobil.

La commissione, secondo indiscrezioni, potrebbe annunciare la cosiddetta raccomandazione ufficiale già martedì prossimo.

Un’altra fusione del settore petrolifero, quella tra la BP Amoco e la Atlantic Richfield (Arco) è invece più incerta. Anche se di valore minore -29 miliardi di dollari – si valuta che potrebbe portare ad una situazione di monopolio nel settore.

La differenza con la Exxon-Mobil è che le società coinvolte nella mega-fusione hanno assicurato la chiusura del 15% delle stazioni di servizio controllate in Maine, Virginia, Texas e California.

Hai dimenticato la password?