Bufale sui social: Merkel lancia “ministero Verità” (della Censura)

26 gennaio 2017, di Daniele Chicca

Le autorità della Germania hanno deciso di prendere delle misure drastiche contro le fake news, le bufale che circolano online e sui social media. Il ministero federale tedesco degli Interni intende infatti creare un “Centro di Difesa contro la Disinformazione”, secondo quanto riportato dallo Spiegel.

Si tratterebbe in concreto di un organo preposto alla lotta contro le “bufale diffuse sui social network”. La Cancelliera Angela Merkel vuole dimostrare che il suo governo fa sul serio sulla questione delle “fake news”, una vicenda che non riguarda solo la Germania e di cui si è parlato molto anche in Italia e negli Stati Uniti.

Il quotidiano di sinistra Frankfurter Rundschau ha però criticato la decisione paragonando il centro di difesa contro la disinformazione al “Ministero della Verità” del mondo distopico inventato da George Orwell nel suo romanzo “1984”, quello insomma messo in piedi dal Grande Fratello.

Dopo la decisione controversa del governo, Frank Überall, il numero uno su base nazionale dell’Associazione tedesca dei Giornalisti, ha dichiarato che si sente “puzza di censura”.

I doppi controlli sulle notizie che girano in Rete e la verifica delle fonti dovrebbero essere una pratica riservata a tutti gli internauti e lettori, ma personale. Il fatto che questo lavoro sarà invece svolto da un’agenzia federale controllata dalle autorità della Germania ha fatto sorgere dubbi sul vero scopo di istituire un “ministero della Verità”.

Idee anti establishment potranno essere censurate

La paura di chi difende la libertà di esperessione e di chi si oppone al governo Merkel è che d’ora in avanti tutte le idee che sono sospettate di essere fasulle o di alimentare l’ondata populista – o semplicemente quelle che non hanno la benedizione delle élite e degli intellettuali – rischiano di essere messe al bando con la scusa che non sono state verificate.

L’agenzia federale dell’Istruzione Politica tedesca – l’agenzia di informazione del ministero degli Interni – ha un’opinione molto chiara su cosa caratterizza un populista: “Anti-elitismo”, “anti-intellettualismo”, “anti-politica” e “ostilità nei confronti delle istituzioni”.

Negli Stati Uniti le autorità hanno fatto per esempio un elenco dei media alternativi di cui non ci si deve fidare, mentre l’AD di Facebook, Mark Zuckerberg, ha promesso un’offensiva contro le fake news che inondano la sua piattaforma social, ma solo quelle possono essere considerate spam e non le opinioni.

In conclusione, sembra che la guerra alle bufale che circolano online stia prendendo sempre più piede, ma ha senso soltanto se viene condotta da organi indipendenti e non se diventa un tentativo di delegittimare tutte le informazioni che sono contrarie all’agenda dell’establishment e critiche dell’operato delle élite.

 

Hai dimenticato la password?