Brexit, alert FMI: no-deal mette a rischio stabilità globale

11 ottobre 2018, di Alessandra Caparello

Un mancato accordo sulla Brexit metterebbe a serio rischio la stabilità economica. Così il Fondo monetario internazionale  riprendendo le preoccupazioni della Bank of England in caso di uno scenario no-deal.

Secondo l’istituto guidato da Christine Lagarde i milioni di contratti finanziari tra le banche della City e le loro controparti in tutta Europa possano crollare nel caso in cui il Regno Unito lasci l’UE senza un accordo.

Un aumento dell’incertezza politica potrebbe influire negativamente sulla fiducia dei mercati finanziari. Ad esempio, la crescente preoccupazione per una rottura dei negoziati sulla Brexit potrebbe causare incertezze contrattuali e operative nel Regno Unito e altrove in Europa.

Il Fondo monetario internazionale ha affermato però che la sua previsione centrale è che entro la fine dell’anno Bruxelles e Londra concorderanno un percorso verso un accordo sul commercio di beni e servizi.  Più duro invece l’allarme che lancia l’ex primo ministro Tony Blair secondo cui la Brexit infliggerà un dolore duraturo al settore dei servizi in Gran Bretagna. Presentando un rapporto sugli effetti della Brexit, Blair afferma:

La parte dimenticata del panorama Brexit è il settore dei servizi (…) Molte persone potrebbero pensare che anche se l’impatto a breve termine della Brexit sarà grave, ci riprenderemo rapidamente. Questa analisi dimostra che non è questo il caso. Il dolore andrà avanti per molto tempo e sarà ridotto solo da misure radicali di deregolamentazione e riduzione dei costi per migliorare il vantaggio competitivo della Gran Bretagna con l’Europa.

Secondo il laburista  è il settore dei servizi dell’economia che porterà il peso maggiore della Brexit e spiega perché.

La Gran Bretagna è un esportatore di servizi di enorme successo. Gran parte dell’ascesa generale delle esportazioni britanniche negli ultimi 20 anni è stata nei servizi (…) In base alle attuali tendenze, le esportazioni di servizi potrebbero superare le esportazioni di beni entro cinque anni. L’UE è di gran lunga il più grande mercato per questi servizi, qualcosa che non può essere spiegato unicamente dalla vicinanza geografica e dalle dimensioni del mercato dell’UE.  E lasciare il mercato unico dell’UE colpirà le esportazioni di servizi del Regno Unito più duramente delle esportazioni di beni”.

Hai dimenticato la password?