BORSE UE: CHIUSURE NEGATIVE MA LONTANE DAI MINIMI

21 dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Con un colpo di reni sul finale, le principali Piazze europee sono riuscite a limitare le perdite. Complice la buona impostazione del Nasdaq che ha ripreso la via dei guadagni, dopo una partenza incerta.

La seduta ha visto sotto pressione ancora i telefonici, ma le vendite hanno colpito anche i media e tecnologici.

Parigi e’ riuscita a chiudere con il Cac indietro solo dello 0,13%. Ha corso TotalFina Elf (+1,20%), mentre Alcatel si e’ fermata a +0,50%. In rosso France Telecom (-1,41%).

Londra e’ stata la peggiore con lo Ftse a -0,99%. Pesante British Telecom (-5,36%), Vodafone (-4,90%) e Reuters (-6,38%). In rosso anche Exel (-1,90%).

Francoforte, le cui contrattazioi terminano alle 20:00, prosegue con il Dax in ribasso dello 0,43%. Vendite su Deutsche Telekom (-5,41%), e Infineon (-6,65%). In rialzo Siemens (+1,30%) e Allianz (+1,72%).

Tra le altre Borse europee, Amsterdam ha segnato un calo dello 0,21% e Zurigo dello 0,62%.

Hai dimenticato la password?