BORSE EUROPEE TUTTE IN TERRITORIO NEGATIVO

17 novembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

Indici europei in territorio
negativo, dopo la partenza positiva dell’apertura, sulla scia di
quello che per molti investitori è stato l’ultimo rialzo di
tassi del millennio. Wall Street la stretta della Fed di ieri
sera ha chiuso in deciso rialzo, ma dopo l’avvio i titoli
europei hanno ripiegato, anche a causa del recupero dell’euro
sul dollaro.
Tecnologia, automobile e industria di base sono i comparti
più brillanti.
Il produttore di acciaio e alluminio Corus Group sale
oltre 7% e guida il settore, sulla notizia che sta per entrare
nell’indice europeo Msci.
I tecnologici si avvantaggiano dell’aumento contenuto dei
tassi Fed, che ha dato spunto anche al Nasdaq, forte in
chiusura. Mannesmann cede 5% e Vodafone sale
1,5% in attesa della prossima mossa dello scalatore inglese.
Alle 10:50 italiane l’indice Euro Stoxx 50 cede lo 0,15%,
mentre l’Eurotop 300 perde lo 0,5%.

Hai dimenticato la password?