BORSA: SCOPPIA LA GUERRA DELL’ACQUA

15 dicembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

Improvvisa, con l’annuncio della sospensione in Borsa dei titoli De Ferrari e Nicolay, scoppia la guerra dell’acqua: la romana Acea, insieme all’Impregilo e alla Rmorchiatori Riuniti di Genova, ha deciso infatti di lanciare una doppia opa (offerta pubblica di acquisto) sugli acquedotti genovesi De Ferrari Galliera e Nicolay, per un controvalore di 426 miliardi di lire.

Le due operazioni sono state approvate dai Consigli d’amministrazione di Acea e Impregilo. Le offerte, tra loro vincolate, riguardano la totalità delle azioni ordinarie e di rispario dell’Acquedotto De Ferrari e delle azioni ordinarie Nicolay. La doppia opa sara’ lanciata dalla societa’ Acqua Italia, controllata per il 60% dall’Acea e per il 30% dall’Impregilo.

La Rimorchiatori Riuniti di Genova ha deciso di partecipare all’operazione rilevando il 10% di Acqua Italia. L’opa avverrà al prezzo di 6,72 euro per le azioni ordinarie De Ferrari (controvalore 291 miliardi di lire), di 2,33 euro per le azioni di risparmio De Ferrari (68 miliardi) e di 2,59 euro per le azioni ordinarie Nicolay (67 miliardi).

Il Consiglio d’amministrazione di Acqua Italia si riunirà oggi per esaminare le due operazioni.

Hai dimenticato la password?