Borsa presa in contropiede da Trump e dalla Bce

17 febbraio 2017, di Daniele Chicca

Il ritorno delle tensioni politiche, per via dell’infinita crisi del debito greco e del nervosismo pre elettorale in Europa, e i cui rischi non sono scontati nei prezzi di mercato secondo Blackrock, ha spinto al rialzo i tassi sui bond europei, indebolito l’euro e rafforzato l’oro, bene rifugio per eccellenza. A evitare lo sbandamento dei listini azionari e obbligazionari in una seduta debole è ancora una volta Mario Draghi, che ieri ha annunciato un nuovo piano di soccorso per Oat e Btp. Nonostante siano da evitare deviazioni significative dalla Capital key nell’ambito del piano di Quantitative Easing, “temporanei scostamenti sono possibili e inevitabili”. Una tale flessibilità nelle proporzioni degli acquisti della Bce tra emittenti ha fatto bene ai Bond europei ieri, in particolare Btp e Oat, i cui Spread con i Bund si sono ristretti prima di tornare a ampliarsi quest’oggi. Nel caso del rendimento dei titoli decennali italiani, il differenziale scambia sopra l’area dei 180 punti base.

In Usa i mercati, poco mossi ieri ma da diverse sedute positivi, sono chiamati a reagire alla conferenza stampa presidenziale piu’ infuocata e non convenzionale di sempre. Per 77 lunghi minuti il presidente Donald Trump, scatenato, ha attaccato e irriso i giornalisti, accusati di “disonestà”. Il commander-in-chief ha discusso dei rischi geopolitici e del pericolo di olocausto nucleare nel caso in cui America e Russia non vadano d’accordo, ha difeso l’ordine esecutivo anti migranti musulmani (imperfetto perché per questioni di sicurezza è stato dovuto attuare in tutta fretta) e ha citato il “disastro” ereditato dall’amministrazione precedente. La Borsa Usa ha potuto contare a febbraio sulle ricoperture stupefacenti per mole di posizioni corte nel mercato dei derivati da parte di un grande fondo, intervenuto per porre rimedio ad alcune posizioni speculative che sarebbero andate in sofferenza.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

17 febbraio 20179:33

Avvio senza una direzione ben precisa per l’azionario europeo:

17 febbraio 20179:33

A Piazza Affari Mediaset corre sulla scia delle indiscrezioni stampa secondo cui un accordo con la rivale sul servizio Sky Premium sarebbe vicino. Il titolo fa segnare un +2,7% al momento.

17 febbraio 20179:36

In Europa tutte le singole piazze finanziarie principali non di discostano molto dai valori di chiusura di ieri: l’indice Ftse segna un -0,06%, Francoforte +0,05% e Parigi -0,08%. Nonostante la fiacchezza vista anche in Usa, l’indice Dow Jones è riuscito a portarsi sui massimi storici forte di un rialzo dello 0,04% mentre Nasdaq e S&P 500 hanno terminato in lieve calo.

In Asia la maggior parte dei listini asiatici si è mossa in territorio negativo, con la Borsa di Tokyo in ribasso di circa mezzo punto percentuale. L’agenda macro di oggi non prevede indicazioni di rilievo. Tra gli appuntamenti odierni, si segnala quello con Moody’s che aggiornerà i rating di Usa e Spagna.

17 febbraio 20179:55

L’andamento si fa piu’ negativo un’ora dopo l’avvio delle contrattazioni in Europa:

17 febbraio 201710:47

Nuovo calo a gennaio per le vendite al dettaglio nel Regno Unito, con i prezzi che sono scesi al ritmo piu’ intenso da metà 2013. I dati hanno deluso le attese. 

Sul valutario la sterlina ha perso quota dopo la pubblicazione dei dati e in questo momento cede mezzo punto percentuale sul dollaro americano.

17 febbraio 201710:50

Se i mercati azionari nel loro complesso si prendono una pausa di riflessione, i titoli bancari sono preda delle prese di profitto dopo i rialzi degli ultimi giorni. Oggi gli investitori sono focalizzati sulle trimestrali societarie e i dati macro.

17 febbraio 201710:52

A proposito di dati macro, il flusso netto degli investimenti diretti e di portafoglio in direzione di asset dell’Eurozona è aumentato in dicembre, con un’entrata di 121,9 miliardi di euro a fronte di un’uscita di 13,8 miliardi del mese precedente.

17 febbraio 201711:07

Nell’ultima seduta prima del weekend lungo – lunedi Wall Street è chiusa per le festività del President’s Day – l’azionario americano dovrebbe aprire la seduta in ribasso se ci si rifà al trend dei future sui principali indici della Borsa Usa.

17 febbraio 201711:09

Nuovo calo a gennaio per le vendite al dettaglio nel Regno Unito, con i prezzi che sono scesi al ritmo piu’ intenso da metà 2013. I dati hanno deluso le attese.   A gennaio la lettura ha segnato un calo mensile pari allo 0,3%, mentre si registra un progresso pari all’1,5% su base annuale.

Sul valutario la sterlina ha perso quota dopo la pubblicazione dei dati e in questo momento cede mezzo punto percentuale sul dollaro americano. In 12 mesi ha perso ben il 13%.

17 febbraio 201712:34

L’andamento delle costruzioni in Eurozona continua ad attraversare un periodi di grande volatilità su base annuale. A dicembre l’attività del settore ha registrato un miglioramento del 3,6% rispetto allo 0,6% precedente. Rispetto a novembre c’è stato un calo dello 0,2% dopo il -0,9% precedente (dato rivisto in rialzo). Nel quarto trimestre sempre in area euro la variazione è stata invece positiva rispetto al trimestre anteriore, ma inferiore a quella vista a novembre (da +1,8% a +0,8%).

Nell’area della Ue a 28 le costruzioni nel mercato immobiliare sono cresciute dello 0,6% su base mensile a dicembre contro l’incremento dello 0,7% di novembre. Su base annuale l’aumento è stato invece dell’1,6% a fronte del +0,6% del penultimo mese dell’anno 2016.

17 febbraio 201713:12

Accelerazione ribassista per la borsa di Milano, con l’indice Ftse Mib che cede -1% a 18.896,66 punti. Tra i titoli, sell sulle banche, con Bper Banca -3,96%, Saipem -2,59%, Banco BPM -2,36%, Intesa SanPaolo -2,19%. Tra i titoli migliori Mediaset +2,75%, Cnh Industrial +1,13%, Moncler +0,73%, Terna +0,23%.  Balzo dello spread Italia-Germania, +4% circa a un soffio da 185 punti base. I tassi sui BTP decennali salgono al 2,15%, mentre quelli sui Bund scendono di quasi -12%, allo 0,30%. 

17 febbraio 201713:15

Goldman Sachs ha confermato il rating buy su Moncler, alzando il target sul titolo da 18 a 23,20 euro.

17 febbraio 201713:18

I future Usa continuano a scambiare in ribasso, come del resto hanno fatto le Borse in Asia e come stanno facendo i mercati europei, appesantiti dalle prove negative di Milano e Parigi. Tornano a gravare sui corsi dei listini i timori legati alle elezioni presidenziali francesi. Alla minaccia di Le Pen, anti europeista convinta, si aggiunge quella di un altro candidato anti establishment e anti euro: Jean-Luc Melanchon. Il leader della sinistra radicale incontrerà il vincitore delle primarie del partito socialista Benoit Hamon per studiare una possibile alleanza, che aumenterebbe le chance di vittoria al primo turno per entrambi gli schieramenti.

17 febbraio 201713:19

Il risultato dell’intensificarsi delle tensioni politiche in Europa, nell’anno delle Superelezioni, in cui si deciderà anche il futuro della Grecia e dei rapporti tra Londra e Bruxelles post Brexit, è che i bond europei sono di nuovo sotto pressione, mentre sul valutario, l’euro scivola. 

Male va anche alla sterlina, che paga la delusione per le vendite al dettaglio britanniche. In tutto questo ne trae vantaggio il dollaro Usa. I rendimenti dei titoli di Stato francesi sono in rialzo di 5 punti base mentre lo Spread rispetto ai Bund tedeschi omologhi si allarga di 6 punti base. L’oro, bene rifugio per eccellenza, rimbalza dello 0,2%.

17 febbraio 201713:19

Il titolo Bper Banca si conferma tra i peggiori del Ftse Mib, scontando le indiscrezioni riportate da Il Messaggero secondo cui l’accordo per acquistare la quarta bad bank CariFe, potrebbe essere rimandato a marzo, a causa delle difficoltà nelle trattative per la cessione di crediti deteriorati di Carife per 250 milioni di euro tra il Fondo di Risoluzione e il Fondo Atlante.

17 febbraio 201714:45

Boom per le quotazioni di Unilever, che volano di oltre +12% dopo la proposta di fusione presentata da Kraft Heinz. In realtà Unilever ha rifiutato l’offerta ma i mercati scommettono su una nuova proposta da parte del gigante americano. Le quotazioni di Unilver sono balzate fino a +14%.

17 febbraio 201716:03

Settore dei consumi comprato a Wall Street, dopo la notizia della proposta di fusione avanzata da Kraft nei confronti di Unilever.

17 febbraio 201716:04

Le quotazioni di Kraft balzano di quasi +6% a Wall Street, che viaggia tuttavia in territorio negativo.

17 febbraio 201716:06

La performance di Wall Street, su base settimanale, è comunque positiva, con i tre principali indici azionari Usa in rialzo +1% circa dall’inizio della settimana.

17 febbraio 201716:16

A Wall Street è boom di acquisti anche su Colgate-Palmolive, con gli investitori che scommettono sui titoli dei colossi dei prodotti al consumo, ritenendo che, nel caso in cui Kraft non dovesse riuscire ad acquistare Unilever (ha già ricevuto un no, ma sarebbe pronta a ritentare, potrebbe decidere di scegliere come preda altre aziende del settore. 

17 febbraio 201716:23

Borsa Milano risale dai minimi di giornata, con il Ftse Mib che cede -0,3% a 19.029,4 punti. Tra i titoli migliori Mediaset +2,07%, UniCredit +1,35% e Moncler +1,19%. Cedono invece ancora Bper Banca -2,24%, Saipem -1,8%, Intesa SanPaolo -1,73%.

17 febbraio 201717:34

Chiusura contrastata per i principali indici azionari europei. Borsa Milano è tra le peggiori.

Hai dimenticato la password?