Borsa di Zurigo: ETP sulle criptovalute riscuote entusiasmo tra gli operatori

27 novembre 2018, di Redazione Wall Street Italia

Il mercato delle criptovalute ripiega sempre più in basso: il bitcoin non sembra più capace di rialzare la testa sopra quota 4000 dollari e la capitalizzazione complessiva del comparto è diminuita di oltre 85 miliardi di dollari da metà novembre.

Eppure, in questo bagno di sangue, è possibile puntare il dito verso alcuni segnali positivi. Partendo dalla Svizzera, per esempio.

HODL5, fondo indicizzato che traccia 5 delle criptovalute più capitalizzate, è diventato l’exchange-traded product (ETP) più popolare sul SIX Swiss Exchange, la Borsa di Zurigo, la quarta piazza più grande d’Europa con una capitalizzazione di mercato di 1,6 mila miliardi di dollari.

L’ETP è stato quotato la scorsa settimana dalla società fintech Amun e registra un turnover giornaliero da 425.000 $, superando così altri strumenti simili che seguono materie prime in argento, petrolio greggio e oro sul SIX.

Dall’inizio degli scambi il prezzo del fondo è sceso del 15%, da 13,80 dollari a 12,40 dollari per quota, un movimento del tutto in linea con il sentimento ribassista che domina il settore delle criptovalute.

Alla luce della contrazione in atto, “questi volumi di scambio sono un evidente segnale di entusiasmo e interesse verso gli asset digitali: la domanda di prodotti correlati alle criptovalute non si è placata e anzi ha trovato una nuova valvola di sfogo”, commenta Anatoliy Knyazev di Exante.

La speranza degli investitori è che questi ultimi sviluppi arrivino a influenzare in qualche modo la SEC americana, che deve ancora pronunciarsi ufficialmente in merito all’approvazione dell’ETF sul bitcoin.

A questo proposito, va comunque notato che tre giorni fa Hester Peirce, uno dei 4 commissari della SEC attualmente in servizio, è stata ospite del podcast What Bitcoin Did, dove ha confermato “un Bitcoin ETF è sicuramente possibile“.

Hai dimenticato la password?