Trend oro e Bond ricorda crac mercati del passato

6 febbraio 2017, di Daniele Chicca

Allarme per il mercato azionario lanciato da Bank of America Merrill Lynch, secondo le cui analisi l’andamento dell’oro e dei bond ricordano da vicino quanto accaduto negli anni 1987 e 1973, quando il mercato ha fatto crac invertendo rotta dopo una fase rialzista.

Se i rendimenti dell’obbligazionario e le quotazioni dell’oro salgono in tandem, infatti, il mercato può facilmente improvvisamente voltarsi dall’altra parte e invertire rotta. Nel caso delle Borse vorrebbe dire prendere la strada dei ribassi. Per lo meno, questo ci dicono i dati storici, secondo gli analisti della banca americana.

È un segnale di volatilità di mercato imminente, dice BofA nel report. I tracolli del mercato azionario del 1973-1974 e il Black Monday dell’ottobre del 1987 erano stati preceduti da tre trimestri consecutivi di rialzo dei tassi dei titoli a reddito fisso e di rafforzamento del metallo prezioso.

Il ragionamento dello strategist Michael Hartnett e dei suoi colleghi presso la banca è il seguente: se i tassi di interesse e i prezzi dell’oro crescono in contemporanea, significa che l’inflazione è destinata a salire, il che aumenterebbe le chance di una stretta monetaria della Federal Reserve a breve termine.

Secondo le stime del mercato, ci sono meno del 25% di possibilità al momento che la banca centrale agisca a marzo dopo l’incremento del costo del denaro di dicembre allo 0,5-0,75%, il secondo rialzo di 25 punti base in dieci anni di tempo. La banca centrale non ha dato troppe indicazioni su quale direzione intende seguire.

Salgono prospettive di inflazione e di rialzo dei tassi

I rialzi dei tassi sono una cattiva notizia per l’economia e per le Borse, mentre dovrebbero favorire il dollaro UsaL’elezione a sorpresa di Donald Trump ha fatto aumentare le anticipazioni sull’inflazione, influenzando le recenti mosse della Fed, che ha deciso per esempio di alzare i tassi guida lo scorso dicembre.

Il prezzo dell’oro ha guadagnato il 6% da inizio anno e ha appena portato a termine la settimana migliore da aprile. Nel terzo e quarto trimestre del 2016 aveva invece subito dei cali. Il rendimento dei Treasuries a 10 anni, intanto, è cresciuto in maniera considerevole nella seconda metà del 2016, ma è moderatamente in calo a inizio 2017.

“Per anni l’oro ha dato un segnale di inflazione e di paura e possiamo affermare che abbiamo visto un po’ entrambe le cose negli ultimi mesi, a prescindere da quale fazione dello spettro politico uno senta di appartenere”, ha osservato all’emittente Cnbc Zachary Karabell, head of global strategy di Envestnet con riferimento agli effetti dell‘elezione di Trump.

Hai dimenticato la password?