Bank of America: S&P 500, l’outlook dopo i record

14 luglio 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – Gli analisti di Bank of America Merrill Lynch scommettono che le vette toccate dallo S&P 500 non saranno mantenute a lungo. Per gli esperti della banca americana, già durante l’estate, il benchmark americano batterà la ritirata, mettendo a segno un calo del 15% rispetto ai livelli attuali e tornando così ai livelli di febbraio.

Lo ha detto Savita Subramanian, strategist nella divisione U.S. equity, che scommette su un calo dell’indice verso i minimi di febbraio, ovvero 1.800 punti, il 15% in meno rispetto alla chiusura record di ieri di 2,152.43 punti.

Alla base delle previsioni, l’analista cita una serie di fattori quali le valutazioni troppo alte, la debolezza stagionale, l’Europa e le incertezze relative alle elezioni presidenziali Usa.

A livello settoriale, Subramanian raccomanda di selezionare con attenzione i settori su cui puntare. Semaforo verde per health care, telecom, real estate e hi-tech. Da sottopesare i finanziari, consumi discrezionali e materie prime.

Ma gli analisti di Bank of America Merrill Lynch non sono i soli a vedere grigio nel breve termine. Nei primi giorni di luglio, anche Goldman Sachs ha comunicato di intravedere un rischio di downside del 5-10% a causa delle incertezze geopolitiche. Il target per fine anno dello S&P 500 e di 2.100 punti.

Ieri, intanto, , il Dow Jones e lo S&P 500 hanno saputo mettere a segno nuovi record, rispettivamente, per la seconda e la terza giornata di fila. Per i due indici, il rally iniziato venerdi’ scorso grazie a un ottimo rapporto sull’occupazione e’ arrivato al quarto giorno. Il Dow Jones ha aggiunto 24,45 punti, lo 0,13%, to 18.372,12. L’S&P 500 ha guadagnato 0,29 punti, lo 0,01%, a quota 2.152,43.

Hai dimenticato la password?