Banche e hedge fund si lanciano nel mondo delle criptovalute

25 aprile 2018, di Livia Liberatore

Il 20% delle banche sta lavorando per entrare nel settore del trading nelle criptovalute entro i prossimi 12 mesi. Lo afferma uno studio di Thomson Reuters, secondo cui il mercato degli scambi di criptovalute sta per ricevere un afflusso di grandi banche, hedge fund e altre istituzioni finanziarie nel prossimo anno. Inoltre, il 70% di coloro che stanno pensando di iniziare a vendere criptovalute ha in programma di farlo nei prossimi tre-sei mesi.

Il sondaggio mostra che mentre molti stanno tacendo in pubblico riguardo ai loro piani sulle criptovalute, molti si stanno preparando ad entrare a piedi uniti nel campo. L’indagine di Reuters ha coinvolto più di 400 clienti tra le piattaforme di Thomson Reuters, inclusi grandi gestori patrimoniali, hedge fund e trading desk presso le maggiori banche e diversi operatori in ognuna di queste classi si sono mostrati interessati al trading nelle criptovalute.

Lo studio, diffuso mercoledì, dimostra che “mentre le istituzioni finanziarie stanno dicendo una cosa, ne stanno facendo un’altra”, ha commentato Kevin Murcko, CEO dello scambio di criptovaluta Coinmetro. “Stiamo assistendo a un’istituzionalizzazione graduale del mercato, e questo sicuramente porterà a un’adozione tradizionale”.

La più importante banca che ha avviato il processo di ingresso nel settore è Goldman Sachs, anche se il suo CEO ha negato in passato le voci sulla creazione di una piattaforma di trading Bitcoin. Lunedì è stato rivelato che la società ha recentemente assunto come esperto di trading delle criptovalute Justin Schmidt, con il ruolo di primo responsabile dei mercati dei beni digitali nella divisione titoli della società.

Hai dimenticato la password?