13/04/12 | 14:40 | CDS Spagna su livelli record: denaro preso in prestito da Bce raddoppiato - Venerdi' sono uscite cifre che sono passate quasi inosservate: in marzo il denaro chiesto in prestito alla Bce dalle banche italiane e' balzato di 75 miliardi di euro a una cifra record pari a €270 miliardi, dai 195 miliardi del mese precedente. Siccome la borsa di Milano era chiusa e tutta l'attenzione era rivolta al report occupazionale governativo in Usa, le borse hanno snobbato la gravita' di tali cifre.

Oggi pero' nelle sale operative il focus di tutti e' sull'altra pedina a rischio della periferia dell'Eurozona: la Spagna. E per motivi simili. Se l'uovo di Pasqua in Italia ha portato cifre allarmanti, Madrid non si puo' dire da meno. I prestiti degli istituti di credito iberici sono saliti esattamente della stessa cifra vista in Italia, ossia di €75 miliardi, a quota €227 miliardi e 600 milioni. Sono i massimi di sempre e un rialzo del 50% dai 152 miliardi di febbraio.

Il risultato sui mercati e' che i CDS - ovvero il costo per assicurarsi contro un eventuale default del debito - hanno toccato 491 punti base, solo 2 punti base di distanza dai massimi assoluti visti in novembre. Intanto il rendimento dei bonos decennali e' cresciuto di 10 punti base al 5,92% e lo spread con i tassi dei Bund tedeschi a dieci anni viaggia sopra i 400 punti base. Anche l'Italia e' in difficolta' e rischia di essere coinvolta in un effetto domino: i rendimenti del benchmark decennale sono al 5,47% e lo spread e' tornato a superare quota 380 in mattinata (al momento fa segnare 370). Nel grafico si puo' guardare l'andmento parabolico - in tutta la sua estensione - dei soldi presi in prestito alla Bce dalle banche spagnole. (DC)