lunedì 24 novembre 2014 - aggiornato: 23:28
social

Credito: "Crisi finirà con una guerra mondiale"

A dirlo e' il manager di fondi Kyle Bass. Gli fa eco l'economista Charles Robertson. Grecia sara' la prima ad abbandonare la moneta unica, seguita dalla Spagna. Debito ha raggiunto 340% della produttività globale.
Kyle Bass, gestore di fondi hedge: "il mondo non e' mai stato in pace con un debito pari al 340% della produzione mondiale".

Ingrandisci la foto

Kyle Bass, gestore di fondi hedge: "il mondo non e' mai stato in pace con un debito pari al 340% della produzione mondiale".

NEW YORK (WSI) - La Grecia sara' il primo paese a uscire dall'area euro: succedera' nel 2013, mentre l'anno dopo sara' la volta della Spagna. Ne e' convinto l'economista Charles Robertson di Renaissance Capital.

Se la previsione non e' certo delle piu' ottimiste, c'e' chi si e' spinto ancora piu' oltre: si tratta del gestore di fondi speculativi Kyle Bass, secondo cui il destino dell'Europa e' gia' segnato. Tanto che "solo una guerra potra' risolvere i problemi strutturali" dell'Eurozona.

A riportare le sue dichiarazioni shock e' Reuters. La recessione determinata dalo scoppio della crisi del debito non avra' un lieto fine. "Finira' con una guerra" mondiale", ha avvertito Bass, fondatore di Hayman Capital Management, con sede a Dallas, in Texas.

"Non so dire bene chi combattera' chi, ma sono sicuro che nei prossimi anni assisteremo allo scoppio di rivoluzioni e guerre, e non certo piccole", ha detto durante una conferenza stampa ieri.

Bass ha scomesso forte sul default dei paesi dell'area euro piu' in difficolta' finanziarie, come la Grecia, stimando che le autorita' della regione non faranno nulla per sbloccare la fase di stallo che dura da ormai tre anni.

Atene e' gia' stata scenario di proteste violente, ma per ora si sono limitate ai confini nazionali. Molti analisti si chiedono come mai altri in Europa non siano scesi in strada e come mai le proteste non siano degenerate in violenze, dopo la perdita di posti di lavoro, l'incremento del peso fiscale, la riduzione delle spese pubbliche e altre disposizioni drammatiche intraprese dai governi di Spagna, Italia, Portogallo e Grecia. La disoccupazione ad Atene e Madrid ha raggiunto il 25%, coinvolgendo un quarto della popolazione.

L'opinione a dir poco apocalittica di Bass si fonda su calcoli precisi e non su strambalate premonizioni. Il debito nei mercati credizi internazionali ha raggiunto il 340% della produttività globale e "il mondo - ha sottolineato l'esperto - non ha mai vissuto periodi di pace quando e' stato costretto a fare i conti con un tale fardello".

Prendendo il caso Spagna, si scopre che il sistema del Welfare ha un defict di 3 miliardi di euro e che in futuro il governo potrebbe non avere piu' i soldi per pagare le pensioni.

Alla fine del 2012 nella sua rubrica "Amaca", Michele Serra aveva condannato le falle del sistema produttivo, denunciando modelli di consumo e di organizzaione del lavoro sballati. L'unica via di uscita' e' riuscire a gettare le basi piantando "i semi della società futura e di una nuova economia", per usare le parole del comico e analista politico di lungo corso.

VOTA L'ARTICOLO

GIUDIZIO
 33%
VOTA
4
0
1
0
2
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Eccellente
Molto buono
Così così
Scarso
Non ci siamo
COMMENTI
elder51 - 08/04/2013 03:52
id utente 140958
utenti registrati 145276
utente da mar 2013
preferito da 17 utenti
2744 commenti
popolarità 108
anche se adesso siamo in aprile.                                                 1)                 La svalutazione può essere un vantaggio temporaneo...
0 Commenta Quota Segnala
etabeta4444 - 09/01/2013 20:39
id utente 136028
utenti registrati 145276
utente da gen 2012
preferito da 1 utente
606 commenti
popolarità 73

a nessuno dei politici venga in mente di consigliare i biscottini del mulino per sopperire al pane.

0 Commenta Quota Segnala
Utente Certificato
nicoippo - 09/01/2013 18:29
tutto viene a colui che sa attendere

id utente 134237
utenti registrati 145276
utente da feb 2012
preferito da 8 utenti
800 commenti
popolarità 93
quello che non è condivisibile è il termine "svalutazione competitiva" ,coniato (con l'aggiunta di "italietta")dalla stampa di regime in modo dispregiativo ad indicare una politica economica che sarebbe stata attuata " scorrettamente "dalle autorità monetarie per avvantaggiare le proprie esportazioni. E,sempre seguendo il loro ragionamento,questo sistema avrebbe creato inflazione (per l'aumento delle materie pri...
1 Commenta Quota Segnala
Questo commento piace a
» Leggi tutti i commenti

PIÚ POPOLARI

ULTIMI COMMENTI