giovedì 21 agosto 2014 - aggiornato: 02:20
social

Coca-Cola e Pepsi cancerogene, ma protette dal governo Usa

La denuncia del Center for Science in the Public Interest, associazione per la salute dei consumatori: le bevande presentano sostanze pericolose. Ma le autorità Usa minimizzano.
Un vecchio poster pubblicitario della Coca Cola. Gli esperti continuano ad arrovellarsi sui suoi reali effetti sulla salute.

Ingrandisci la foto

Un vecchio poster pubblicitario della Coca Cola. Gli esperti continuano ad arrovellarsi sui suoi reali effetti sulla salute.

New York - Che la Coca-Cola sia nel mirino di salutisti e scienziati, insieme alla Pepsi Cola, non è certo una novità. Sono anni che si parla dei potenziali effetti cancerogeni delle due bevande. Tuttavia, stavolta la notizia che arriva per i due colossi è positiva. E a darla è sono le stesse autorità federali, ovvero la FDA (Food and Drug Administration), la commissione di controllo degli Stati Uniti sui farmaci e i beni alimentari.

Secondo quanto riporta Bloomberg Douglas Karas, portavoce dell'autorità ha infatti risposto a un'associazione dei consumatori che non esiste un rischio immediato ai consumatori, legato all'assunzione delle bevande. Karas ha precisato che una persona dovrebbe bere più di mille lattine ogni giorno per presentare il livello di quell'elemento chimico e cancerogeno rinvenuto nei roditori colpiti dai tumori a seguito dell'amministrazione della sostanza.

L'elemento incriminato è il 4-Methylimidazole, un colorante utilizzato nella produzione di Coca Cola, PepsiCo. La sostanza è presente dunque anche in bevande come Diet Coke, Diet Pepsi, Dr Pepper e Diet Dr Pepper. E' almeno dal febbraio del 2011 che l'organizzazione CSPI ha chiesto alla Fda di vietare l'utilizzo del "4-Mi" (questa la siglia dell'elemento che sarebbe cancerogeno per gli animali".

"Coca Cola e Pepsi, con il beneplacito del governo, stanno esponendo milioni di americani a un prodotto chimico che provoca il cancro - ha detto il direttore del CSPI Michael F. Jacobson".

LEGGI IL LINK

VOTA L'ARTICOLO

GIUDIZIO
0%
VOTA
0
0
0
0
0
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Eccellente
Molto buono
Così così
Scarso
Non ci siamo
COMMENTI
Utente Certificato
robocop08 - 08/03/2012 14:00
id utente 118850
utenti registrati 144712
utente da mag 2010
preferito da 7 utenti
1940 commenti
popolarità 145
Caro pana, il mondo è questo purtroppo, per anni abbiamo considerato l'America come la salvatrice, il diavolo era da un'altra parte. Poi le menti si sono aperte e forse ci rendiamo conto che è stata tutta una stortura. Gli Americanio (purtroppo) hanno tatta l'arroganza dei potenti, fanno e disfano quello che vogliono. Se vaoi in America e presti attenzione ti rendi conto di vivere una realtà di ipercontrollo di massa. Mi spiace dire...
0 Commenta Quota Segnala
fiuccio70 - 07/03/2012 12:21
id utente 132941
utenti registrati 144712
utente da ago 2011
164 commenti
popolarità -8
Come funziona l'America ormai si sa, sia dal lato poteri forti che dall'altro con la popolazione con le loro class-action. Da loro c'e' molta attenzione su cosa dev'essere riportato sui prodotti, perchè se non esplicito, c'e' il rischio che anche il più beota, riesca a spillare quattrini tramite avvocati. Tornando al discorso della sostanza incriminata, chissà quante altre porcate ingeriamo senza saperlo.....bisogner...
0 Commenta Quota Segnala
pana - 07/03/2012 11:24
id utente 126325
utenti registrati 144712
utente da dic 2010
999 commenti
popolarità 82

ma perche, tutto l uranio impoverito lasciato in bosnia, iraq e afghanistan '??

non e' cancerogeno pure quello? e il fosforo bianco ?

chi paghera ? chi? chi?

dove sono tutti quelli che manifestano per i poveri greci ?

2 Commenta Quota Segnala
Questo commento piace a
» Leggi tutti i commenti

PIÚ POPOLARI

ULTIMI COMMENTI