Borsa Milano chiude in forte rialzo, nonostante tassi altissimi sui Btp

Ftse Mib oscilla nervosamente, poi accelera con una netta progressione e chiude quasi a +2%. Downgrade Spagna gia' scontato dai mercati. In ripresa le banche. Spread a 10 anni a 393 punti. L'euro tenta la rimonta. Asta Btp a 10 anni: tasso al 5,84% rispetto al 5,24% precedente, massimo dal mese di gennaio.
Eni: performance a 1 anno. Il titolo ha perso il 3,89% negli ultimi 12 mesi, calando del 7,13% nell'ultimo mese. Diffusi oggi i conti primo trimestre.

Ingrandisci la foto

Eni: performance a 1 anno. Il titolo ha perso il 3,89% negli ultimi 12 mesi, calando del 7,13% nell'ultimo mese. Diffusi oggi i conti primo trimestre.

Milano - Si ripete il copione gia' visto nelle ultime settimane: partita male per i timori legati alla crisi del debito dell'Europa, ravvivati oggi dal downgrade di S&P sulla Spagna, la Borsa di Milano e' via via migliorata, per chiudere con una bella progressione sul finale. A dare una spinta ai listini hanno contribuito alcuni risultati societari incoraggianti e l'esito tutto sommato decente, secondo i giudizi dei trader, dell'asta di Btp.

Dopo una reazione confusa all'asta dei titoli di stato, che ha avuto per oggetto BTP con scadenza a 4, 5, 7 e 10 anni, il Ftse Mib ha guadagnato forza e ha guadagnato in chiusura l'1,85% a 14.778,90 punti. L'indice aveva aperto in mattinata con un calo dell'1,7%.

Le contrattazioni rimangono condizionate dall'estrema volatilita', anche per via del ritorno della tensione sul mercato dei bond. D'altronde, il collocamento ha messo in evidenza tassi decennali e a cinque anni al record da gennaio, e il bid to cover - ovvero il rapporto tra domanda e offerta - in entrambi i casi e' sceso. Lo Spread Italia-Germania a 10 anni si riattesta per buona parte di giornata sopra quota 400 punti base, a fronte di rendimenti sui BTP decennali che sono aumentati anche dell'1,5%, al 5,72%, ma poi e' retroceduto a quota 392. Occhio anche ai rendimenti a cinque anni che, sul mercato secondario, sono balzati anche del 3,25% toccando punte di 4,92%.

Problema debiti sovrani sempre piu' sotto i riflettori, dopo la decisione dell'agenzia di rating Standard & Poor's di tagliare per l'ennesima volta il rating sul debito della Spagna. Il giudizio è stato ridotto di due gradini, a BBB+. Senza mezzi termini, l'agenzia di rating ha parlato anche di "rischio di sostenibilità per il sistema bancario".

Immediata la reazione sui mercati dei titoli di stato e azionari, che però si è smorzata con il procedere delle contrattazioni. Mentre i listini asiatici hanno registrato una performance mista, Madrid ha aperto subito con un calo del 2,6% e una flessione superiore all'1% è stata registrata in apertura dalle altre piazze finanziarie. Ma al momento, è lotta tra rialzisti e ribassisti e il trend, in attesa dell'avvio della seduta a Wall Street, rimane ancora incerto. Londra +0,51%, Francoforte +0,58%, Parigi +1,08%, l'indice di riferimento Eurostoxx 50 ha registrato un progresso dello 0,81%.

Tornando a Piazza Affari, da segnalare oggi l'Ipo di Brunello Cucinelli , prima Ipo in Italia e in Europa di quest'anno. Il titolo segna un rialzo teorico superiore al 30%. Sul Ftse Mib, recupero delle banche dopo il sell iniziale: Banco Popolare +0,18%, MPS +0,12%, Banca Popolare dell'Emilia Romagna piatta con +0,12%, BPM +3,91%, Unicredit rimane però sotto pressione con -1,66% dopo essere scesa nei primi minuti della seduta fino a -3,8%. Ubi Banca -0,38%. Occhio ancora alla galassia Fiat, dopo la decisione di S&P di tagliare il rating sul titolo Fiat, complici le preoccupazioni sulla debolezza che il Lingotto accusa nel mercato europeo. Il titolo segna +0,38%, a fronte del +2,31% di Fiat Industrial. Si mette poi in evidenza anche Eni, dopo l'utile del primo trimestre dell'anno, che è balzato del 42% a 3,62 miliardi di euro. L'amministratore delegato Paolo Scaroni ha definito i "risultati eccellenti". Le quotazioni salgono più dell'1%. Male invece Telecom Italia con -2,34%.

Titolo migliore Salvatore Ferragamo con +4,9%; bene anche Prysmian +2,45% e Impregilo +2,67%. Come dimostrano i casi anche di Ferragamo, Luxottica, e' da mesi che il lusso non conosce crisi, gruppi che hanno saputo collocarsi nella fascia alta e operano nei mercati esteri vanno bene.

In ambito valutario, l’euro positivo nei confronti del dollaro con +0,43% a $1,3244; la moneta unica perde invece sullo yen dello 0,33% a JPY 106,53; dollaro/yen in flessione dello 0,74% a JPY 80,43.

Per terminare la panoramica sui mercati, riguardo alle commodities, i futures sul petrolio sono in flessione dello 0,16%, a $104,38 al barile, mentre le quotazioni dell'oro sono in crescita dello 0,31%, a $1.666 l'oncia.

VOTA L'ARTICOLO

GIUDIZIO
0%

VOTA

0
0
0
0
0
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Eccellente
Molto buono
Così così
Scarso
Non ci siamo
COMMENTI
Utente Certificato
warrenbaff - 29/04/2012 20:00
I LIKE NEWBIE

id utente 136387
utenti registrati 144153
utente da feb 2012
preferito da 9 utenti
4097 commenti
popolarità 94




pare di sì, l'€ ha perso 16 pips da venerdi sera

Originariamente inviato da warrenbaff

forse questo aiuta i miei short?

 

0 Commenta Quota Segnala
Utente Certificato
warrenbaff - 29/04/2012 19:52
I LIKE NEWBIE

id utente 136387
utenti registrati 144153
utente da feb 2012
preferito da 9 utenti
4097 commenti
popolarità 94

forse questo aiuta i miei short?

0 Commenta Quota Segnala
Utente Certificato
normal - 29/04/2012 19:08
La democrazia ha un costo...ma prima di ragionarne bisogna conquistarla. Poi difenderla.

id utente 121612
utenti registrati 144153
utente da lug 2010
preferito da 40 utenti
13056 commenti
popolarità 123

Un salutone a tutti gli amici del bar. Ci si sente domani.

1 Commenta Quota Segnala
Questo commento piace a
» Leggi tutti i commenti