Anche l'ultimo baluardo riduce l'esposizione in Europa

Dopo l'umiliazione subita per i bond greci anche il fondo sovrano norvegese, il secondo in Europa, che aveva sempre creduto nelle potenzialita' del debito della periferia, fa marcia indietro e preferisce l'Asia.
Il ministro delle Finanze norvegese, Sigbjørn Johnsen.

Ingrandisci la foto

Il ministro delle Finanze norvegese, Sigbjørn Johnsen.

New York - In molti si ricorderanno le dichiarazioni del governo norvegese, detentore del secondo maggiore fondo sovrano d'Europa, nel settembre di due anni fa: la Grecia non fara' default.

Harvinder Sian, stragegist senior del debito fisso di Royal Bank of Scotland ha dichiarato in un'intervista: "la Norvegia e' convinta che il debito non fallira'. Il debito e' particolarmente interessante perche' il consensus unanime dei mercati e' che prima o poi dovranno ristrutturar il debtio o fare default".

Il fondo sovrano da $610 miliardi, il maggiore investitore nell'azionario del continente, era convinto che le prospettive a lungo termine dell'investimento avrebbero protetto il paese da eventuali perdite. Ebbene, dopo essere stati umiliati, hanno cambiato idea. La quota investita in Europa dal fondo sovrano dello stato scandinavo scendera' al 41% dal 54% mentre quella investita in Asia-Pacifico salira' al 19% dall'11% attuale.

A differenza degli altri investitori europei (in primis le banche italiane) che stanno scavando ancora di piu' la fossa sotto i piedi, il fondo sovrano norvegese ha avuto la lucidita' necessaria per fare un passo indietro per tenere un approccio piu' prudente, "riducendo nettamente la sua esposizione in Europa, puntando invece sui mercati in via di sviluppo della regione Asia-Pacifico", come nnunciato dal ministero delle Finanze.

Il motivo: "Gli sviluppi dell'economia globale stanno cambiando e saranno rispecchiati nella nostra strategia di investimento", ha spiegato Johnsen. "Con ogni probabilita' venderemo degli asset in Europa". Non sara' il primo fondo a prendere una tale decisione e scappare da degli asset che sono alimentati arificialmente dalla Bce e ppresto da altre banche centrali.

VOTA L'ARTICOLO

GIUDIZIO
 100%

VOTA

2
0
0
0
0
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Eccellente
Molto buono
Così così
Scarso
Non ci siamo
COMMENTI
Utente Certificato
dade2002 - 30/03/2012 19:35
2
id utente 126685
utenti registrati 145079
utente da ott 2011
250 commenti
popolarità 63

per quanto mi riguarda, nel mio piccolo, sono uscito dal debito europeo quattro mesi fà

0 Commenta Quota Segnala
Utente Certificato
francesco618 - 30/03/2012 17:55
La vera rivoluzione è quella che ognuno fa dentro se stesso

1
id utente 131004
utenti registrati 145079
utente da giu 2011
preferito da 23 utenti
1655 commenti
popolarità 229

Qualcuno comincia ad accorgersi che stiamo fallendo

2 Commenta Quota Segnala
Questo commento piace a
» Leggi tutti i commenti