ALLE 18:30 L’ANNUNCIO SUL VERDETTO MICROSOFT

5 novembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

Oggi alle 18:30 ora di New York sara’ reso noto il verdetto Microsoft, nell’ambito della nota causa anti-trust promossa contro il colosso del software dal governo americano. Non si tratta della sentenza vera e propria, ma di conclusioni finali che preludono pero’ – nel fatto e nel merito – al giudizio finale. La notizia e’ omai ufficialmente confermata.

Il giudice aveva gia’ confermato in passato che l’annuncio sarebbe stato dato proprio un venerdi’, a borsa chiusa, affinche’ Wall Street possa digerire la notizia durante il weekend senza quindi reagire istericamente sia nel caso che il giudizio sia positivo per Microsoft sia nel caso contrario.

Il titolo Microsoft (vedi MSFT, quotazioni interattive), che da appena due settimane e’ entrato a far parte dell’indice Dow Jones, gia’ prima della chiusura della borsa era in calo di 1 e 1/16 (-1,16%) a quota 90 e 11/16. Da vari giorni l’azione e’ sottoposta a uno stillicidio di vendite.

Il giudice incaricato del caso – in sostanza il governo degli Stai Uniti accusa Microsoft di aver creato una posizione di monopolio e propone di smantellarne l’impero – e’ un magistrato della US District Court di Washington, Thomas Penfield Jackson. Il ministero della Giustizia Usa e gli organi di giustizia di 19 stati imputano all’azienda di Bill Gates di aver abusato della posizione dominante nell’offrire al mercato il sistema operativo di software (Windows) che fa girare i computer.

Il giudice in serata spieghera’ quali fatti egli ritiene confermino questa tesi, fatti e prove raccolti durante i 76 giorni del processo in aula finito lo scorso giugno.

Microsoft sostiene invece di agire in un mercato altamente competitivo, e inoltre che il sistema operativo Windows non rappresenta un potere monopolista, e infine che, in ogni caso, tutte le attivita’ dell’azienda sono state svolte in osservanza della legge.

E’ largamente condivisa l’opinione secondo cui una sentenza – che non arrivera’ oggi, perche’ oggi sono previste sono le conclusioni preliminari – che desse ragione a Microsoft metterebbe le ali al titolo e alla borsa; mentre gli analisti sono discordi sulle conseguenze che un verdetto negativo avrebbe su Wall Street. La maggior parte degli osservatori ritiene pero’ che l’ipotesi di uno smantellamento dell’impero di Bill Gates faccia parte solo dei fanta-scenari. Cioe': non accadra’.

Hai dimenticato la password?