AL QAEDA, CYBER TERRORISTI CONTRO
WALL STREET

1 dicembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il governo USA lancia l’allerta. L’obiettivo dell’organizzazione terroristica Al Qaeda è violare e distruggere i database dei siti della Borsa azionaria e delle istituzioni finanziarie statunitensi.

Si tratterebbe di un possibile massiccio cyber attacco, a partire da oggi venerdi’ e per tutto il mese di dicembre, contro istituzioni che fanno trading online di azioni, compreso il New York Stock Exchange e il Nasdaq, e contro i siti di gruppi bancari e finanziari. La minaccia sarebbe arrivata da un gruppo che si chiama “ANHIAR al-Dollar”.

La minaccia di un attacco informatico da parte del gruppo islamico estremista dei seguaci di Bin Laden sarebbe stata lanciata per vendicare i detenuti nella prigione di Guantanamo, la base americana a Cuba, dove sono tenuti prigionieri circa 400 presunti terroristi di Al Qaeda.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link style="color:blue">INSIDER

Il Department of Homeland Security ha confermato che un alert e’ stato lanciato, ma ammette in un documento che non vi sono prove sulla consistenza della minaccia, solo sospetti che giustificano però l’intenzione di mantenere in vigore l’allerta per tutto il mese di dicembre. Anche lo U.S. Computer Emergency Readiness Team ha emesso un rapporto a tutti gli azionisti privati che partecipano a un vasto programma anti-terroristico informatico, ha confermato il portavoce dell’Homeland Security, Russ Knocke.

Il cyber attacco avverrebbe con la tecnica tipica del “denial of service” (sperimentata spesso in passato dagli hacker piu’ pericolosi contro siti come Cnn, Google, eBay), spiega una fonte anonima dell’Homeland Security Usa. In sostanza i siti scelti come obiettivo sono bombardati di hits e crashano.

Non ci sono state reazioni particolari a Wall Street, effetti zero sui prezzi dei vari mercati finanziari e azionari, se non fosse che sul valutario il dollaro si e’ ulteriormente indebolito, con l’euro a un nuovo record di quasi 2 anni a 1.3258, nella tarda serata newyorkese.

Hai dimenticato la password?