A NEW YORK IL NASDAQ CHIUDE SOPRA QUOTA 3.600

10 dicembre 1999, di Redazione Wall Street Italia

La borsa di New York ha chiuso la seduta in netto rialzo, nonostante un leggero infiacchimento dei prezzi nell’ultima mezz’ora.

I principali indici (vedere variazioni in tempo reale in PRIMA PAGINA) hanno terminato tutti in aumento, con il Dow in testa (+0,81) seguito dal Nasdaq (+0,73%) e i terza posizione lo S&P 500 (-0,63%). Il Nasdaq, nonostante la volatilita’, e’ stato in grado di battere il nuovo record storico (il 51esimo).

Il Dow Jones ha ”performato” meglio degli altri, anche se in parte frenato dai cali di alcune blue chips, tra cui in prima linea l’Ibm (IBM). Il colosso dell’informatica era trattato verso la fine in ribasso di quasi il 4%. In calo anche Exxon e Mobil.

L’indice dei titoli industriali, tuttavia, e’ salito grazie ai guadagni dei titoli bancari e finanziari, favoriti dalla fotografia di un’economia che cresce senza inflazione, come hanno confermato oggi i prezzi alla produzione Usa di novembre.

In particolare l’ American Express (AXP) e’ salita al record assoluto per l’azione, a quota 162. Il rialzo ha pesato in positivo per circa 28 punti sull’indice Dow Jones. Buona crescita anche per Bank of America Corporation (BAC) e J.P. Morgan (JPM).

Tra le altre blue chips, si sono distinte Alcoa (AA) e General Electric (GE).

Da segnalare nell’ambito dei titoli che hanno sospinto l’indice Standard & Poor’s l’incremento di America Online (AOL), sulle voci di un accordo – non ancora annunciato – con il colosso dei supermercati Wal-Mart (vedere articolo WSI: AMERICA ONLINE E WAL-MART IN JOINT VENTURE).

(AOL) e’ salita di circa il 6%, il che ha portato il titolo a battere il record assoluto.

Tutto il settore internet comunque ha registrato rialzi superiori all’1,5%, con i soliti nomi – Amazon.com (AMZN), Yahoo! (YHOO) e E*Trade (EGRP) – tra i migliori.

Ma ecco la lista dei 10 titoli piu’ trattati al New York Stock Exchange (dati alla chiusura), con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare su QUOTAZIONI INTERATTIVE):

(TYC) Tyco International Ltd. 67,816,700 30.438 +2.188 +7.74%;

(AOL) America Online, Inc. 47,222,400 91.500 +5.250 +6.09%;

(CPQ) Compaq Computer Corporation 19,454,500 25.125 +0.125 +0.50%;

(MO) Philip Morris Companies Inc. 19,024,500 25.688 +1.000 +4.05%;

(WMT) Wal-Mart Stores, Inc. 12,575,100 63.563 +1.313 +2.11%;

(IBM) International Business Machines Corporation 12,480,100 108.875 -4.500 -3.97%;

(KM Kmart Corporation 11,537,000 10.625 +0.625 +6.25%;

(DIS) Walt Disney Company 10,942,100 28.063 +0.438 +1.58%;

(MU) Micron Technology, Inc. 10,784,000 60.125 -3.375 -5.32%;

(KR) Kroger Co. 10,654,200 16.063 +0.688 +4.47%.

Ed ecco la lista dei 10 titoli piu’ trattati al mercato elettronico del Nasdaq (dati alla chiusura), con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare su QUOTAZIONI INTERATTIVE):

(CORL) Corel Corporation 47,182,300 30.500 -8.750 -22.29%;

(DELL) Dell Computer Corporation 29,163,100 41.563 -1.188 -2.78%;

(INTC) Intel Corporation 27,992,300 72.250 -1.000 -1.37%;

(SBAS) StarBase Corporation 20,257,100 10.500 +4.813 +84.62%;

(SUNW) Sun Microsystems, Inc. 20,101,000 81.875 +1.875 +2.34%;

(MSFT) Microsoft Corporation 18,194,900 93.875 +1.125 +1.21%;

(ESPD) 17,549,800 43.938 +21.938 +99.72%;

(CSCO) Cisco Systems, Inc. 16,598,800 99.813 +1.188 +1.20%;

(AMZN) Amazon.com, Inc. 14,883,700 106.688 +3.063 +2.96%;

(PERL) Perle Systems 14,729,800 20.125 -2.750 -12.02%.

L’indice Nasdaq era stato investito da un’ondata improvvisa di ordini di vendita poco dopo le 10:00 di mattina (vedere grafico in PRIMA PAGINA). Cio’ ha segnalato, come era gia’ accuduto giovedi’, un aumento della volatilita’. Il Nasdaq, in ogni caso, ha smesso di salire senza sosta, come accadeva nel passato.

Oggi, per esempio, hanno terminato la seduta in calo tutti i produttori di microchip, con in testa Intel (INTC) che ha perso piu’ dell’1,11% e Advanced Micro Devices (AMD) (vedere prezzi e varizioni su QUOTAZIONI INTERATTIVE). Alcuni analisti sostengono che, indirettamente, anche il mercato dei produttori di personal computer potrebbe risentirne negativamente. Oggi Dell Computer Corporation (DELL) no ha avuto certo una buona perfomance, trattato in ribasso a 41 e 5/8, un calo del 3,22%.

Hai dimenticato la password?